Prima del coraggio. Il diritto di denunciare

Prima del coraggio
Il diritto di denunciare

Piazza B. Cairoli – ROMA

14 Giugno 2012, Ore 11

Migliaia di donne hanno firmato un appello alla ministra Severino, mandato per conoscenza alla Ministra Cancellieri:
chiarire e modificare l’articolo 1 del testo unico di pubblica sicurezza.
Gli appelli al coraggio, le rassicurazioni verbali (poche), gli avvertimenti sul prezzo del silenzio, si fermano sulla soglia di un commissariato o di una caserma dei carabinieri.

Denunciare è difficile, per la negazione delle risorse alle reti antiviolenza, per la mancanza di alternative di lavoro e perché spesso il violento è il detentore dei mezzi di sussistenza.

Denunciare in Italia è ancora più difficile, e lo è fin dal primo passo ovvero la consegna della querela ai competenti : Polizia e Carabinieri.

Questa prima difficoltà di denunciare, non è poi così strano, è prevista e suggerita dalla legge che regola tutta la materia della Pubblica Sicurezza: il Testo Unico del 1931.
Al primo articolo è previsto che l’addetto sia tenuto a tentare
“la bonaria composizione del conflitto”
Questo “insignificante” particolare controlla il numero delle denunce e insitamente permette al governo di non investire sull’eliminazione del femminicidio.

Col pretesto che sono le donne a non volerla.

Noi che vogliamo l’eliminazione del femminicidio
(Comitato Ricominciare e Udi di Napoli, La direttora e la redazione di NOI DONNE, DonneSudonne, Arcidonna, Arcilesbica,comitato 194, Le Kassandre, Cooperativa EVA, DREAM TEAM, Rete Campana delle donne di SEL, La Casa Internazionale delle Donne – ROMA)

Le donne dell’Emilia da sempre con noi
Noi sempre con loro

Intestazione “Provincia di Modena Interventi di solidarietà”
codice Iban IT 52 M 02008 12930 000003398693
causale “terremoto maggio 2012”

“Provincia di Ferrara per interventi di solidarietà”

codice: IBAN IT 67 Z 06155 13015 000003204155,

cauusale: “terremoto maggio 2012”.

Articolo creato 246

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per fornire alcuni servizi. Cliccando sul bottone "OK, accetto ne consentirai l'utilizzo. Maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi