Monografie – Storie di donne: Simone de Beauvoir

a cura di Rosa Bianco

associazione-dream-team-simone-de-beauvoirSimone de Beauvoir nacque nel 1908 su Boulavard Raspail a Parigi. Era la figlia maggiore di una famiglia borghese rispettata. La sorella minore, Poupette, le rimase vicino per tutta la vita e le fece da riferimento positivo per i suoi primi anni. Si dice che il suo lavoro è stato ispirato in parte dai costumi contrastanti dei suoi genitori. Suo padre desiderava lavorare in teatro, ma cedendo alle pressioni sociali divenne avvocato, mentre sua madre era una cattolica molto rigida. Simone fu educata in istituzioni private, sotto l’egida religiosa di sua madre. Simone si dichiarò atea, mentre era ancora adolescente, sostenendo che la religione era solo un metodo per evitare la verità. Si dedicó fin dall’adolescenza ad una vita di apprendimento, di studio, di riflessione e di scrittura. Simone aveva 21 anni, quando andò a vivere con la nonna e cominciò a studiare filosofia alla Sorbona.

Nel 1929 si laureò in filosofia con una tesi su Leibniz. Quello stesso anno, incontrò un gruppo di studenti, tra cui Paul Nizan, Andre Hermaid, e Jean-Paul Sartre. Sartre e Simone iniziarono da questo incontro la loro collaborazione, che durò tutta la vita, diventando i migliori amici l’uno per l’altro, entrambi intellettuali di grande respiro. Si classificarono, peraltro, come i primi due studenti della loro classe di laurea. L’influenza dei due filosofi sul lavoro degli altri fu, perciò, notevole. Il loro rapporto divenne, poi, famoso per l’unico impegno che essi assunsero l’uno con l’altro: essi improntarono il loro rapporto sulla libertà di amare altre persone e la pratica di completa apertura e onestà tra di loro. Non si sposarono mai, perché erano fortemente convinti che il loro rapporto non doveva essere istituzionalizzato. Questo tipo di legame “libero” incontrò la disapprovazione di molti dei loro amici e parenti.

Negli anni tra il 1931 e il 1941 Simone continuò a vivere con la nonna, mentre insegnava in alcuni licei a Marsiglia, Rouen e Parigi. Fu professore alla Sorbona dal 1941 al 1943. Il suo lavoro le permise di essere finanziariamente indipendente. Raccolse un certo numero di amici intorno a lei, trascorrendo del tempo libero nei caffè di Parigi, dove scriveva e sosteneva colloqui di filosofia. Andò a studiare filosofia tedesca a Berlino per un po’, rimanendo in contatto con Sartre tutto il tempo. A un certo punto i due avrebbero voluto formare una sorta di triangolo amoroso, con una studentessa del liceo di Simone, di nome Olga Kosakievicz. Simone basò il suo primo libro di narrativa, L’Invitée (She Came To Stay, 1943), sull’esperienza di vivere un rapporto d’amore di coppia, con una terza persona, così vicina e simile al suo rapporto con Sartre. Il romanzo è influenzato dalla filosofia di Hegel, Heidegger, e Kojève, che sia lei e Sartre stavano studiando al momento. Si esamina il problema della scelta in un mondo assurdo e il rapporto di un individuo con la sua coscienza e con “l’altro”. La sua scrittura è anche molto condizionata dall’esistenzialismo, anche se lei fu sempre “resistente” ad accettare l’etichetta di “esistenzialista”, nonostante i suoi collegamenti a Sartre.
Durante l’occupazione nazista della Francia, Simone fu in grado di continuare a lavorare, senza opposizione da parte dei tedeschi. Nel 1943 aveva completato più di quattro libri, tra cui Les Bouches Inutiles (Bocche inutili), Tutti gli uomini sono mortali, Pirro et Cineas, e Il sangue degli altri. Pirro et Cineas è stato pubblicato nel 1944, un altro studio dell’ansia, scelta individuale e dell’importanza del libero arbitrio. Nel 1945 ha pubblicato Le Sang des autres (Il sangue degli altri), un romanzo che esplora i problemi di attivismo politico e dilemmi sperimentati da un leader della Resistenza francese durante la guerra. Le recensioni del libro furono tutte favorevoli e fu venduto bene nel contesto di un confusa Francia del dopoguerra, alle prese con le questioni morali lasciate dalla guerra stessa. Il successo di entrambi, di Simone e di Sartre, in questo periodo, li proiettó in un circolo intellettuale più ampio, del quale facevano parte, tra gli altri Camus, Picasso, e Bataille. Dopo la seconda guerra mondiale, Simone de Beauvoir e Sartre modificarono la rivista di sinistra Les Tempes Modernes.
Il mensile pose la coppia al centro di una comunità intellettuale attiva.

associazione-dream-team-simone-de-beauvoir-citazioneL’interesse di Simone per la politica aumentò costantemente dopo la seconda guerra mondiale. Simone divenne molto critica nei confronti del capitalismo, mentre difese i governi comunisti della Cina e l’Unione Sovietica. Nel 1947, fece un viaggio di cinque mesi negli Stati Uniti, rafforzando molte delle sue convinzioni. Nel 1948 pubblicò L’Amérique au jour de jour (America Day by Day), un lavoro critico sui problemi sociali, disuguaglianze di classe e razzismo, ai quali aveva assistito durante la sua visita negli Stati Uniti. Mentre era negli Stati Uniti, Simone incontrò e si innamorò dello scrittore Nelson Algren. Il suo romanzo, I mandarini, pubblicato nel 1954, è vagamente basato sui suoi rapporti sia con Algren, che con Sartre. È anche una cronaca del movimento degli intellettuali di quegli anni del dopoguerra. Per questo romanzo Simone ricevette il Prix Goncourt, il premio letterario più alto della Francia. Il suo rapporto con Algren continuò per 15 anni. Il libro The Works ripercorre il rapporto con Algren, attraverso la loro corrispondenza, sostenuta dai conti di amici e di biografi. In questi anni Simone adottò la figlia, Sylvie Le Bon de Beauvoir.

Nel 1947 pubblicò Pour une morale de l’ambiguité (L’etica di ambiguità), la sua prima pubblicazione rigorosamente filosofica. Viaggiò in Cina, URSS, Cuba, Giappone, Egitto, Israele e Brasile per continuare la sua ricerca politica e nel 1957 pubblicò La Longue Marche: Essai sur la Chine (La Lunga Marcia). Questo saggio sostiene con entusiasmo la rivoluzione cinese. Fu pensato e ideato anche per sostenere i comunisti vietnamiti, contro i francesi.associazione-dream-team-simone-de-beauvoir-sartre

Nel 1949 pubblicò il suo trattato più celebre, un classico della letteratura femminista: Le Deuxième Sexe (Il secondo sesso). Questo lavoro segna la sua affermazione a grande pensatrice politica e filosofica. È un lavoro di ricerca nella storia dell’oppressione delle donne, rivelando la donna come l ‘”altro”, non come definito dal patriarcato e sostenendo che “non si nasce donna; Si diventa”.
Il testo è un appello tecnicamente astuto, ma anche appassionato, per l’abolizione di quello che lei chiama il mito dell’ “eterno femminino” ed è considerato da alcuni studiosi una delle più importanti dichiarazioni definitive di indipendenza delle donne. Non tutti approvarono il testo, naturalmente e lo scrittore cattolico François Mauriac condusse una vera e propria campagna contro Il secondo sesso, come contro la pornografia. Altri critici etichettarono Simone come “ninfomane”, mentre alcuni si sono lamentarono che il suo lavoro era spassionato. Più tardi nella sua vita, Simone si dedicò al movimento femminista, nel quale lottò molto contro l’istituzionalizzazione delle madri povere e non sposate.

Simone dedicò quattro volumi di lavoro alla sua autobiografia. Questi sono intitolati Mémoires d’une jeune fille rangée (Memorie di una ragazza perbene, 1958), La Force de l’âge (il fiore della vita, 1960), La Force des choses (Force of Circumstance, 1963), e Tout compte fait (Tutto detto e fatto, 1972). Questo particolare corpo di lavoro offre un ritratto affascinante della vita intellettuale francese dal 1930 al 1970. Nel suo secondo libro di memorie, Il fiore della vita, si analizza il rapporto tra l’ ‘io’ e il ‘noi’, dove celebra l’autonomia personale, essendo da sola e il suo rapporto con Sartre in evoluzione . Le sue idee si spostano dal suo concentrarsi sulla sua vita privata a temi universali esterni, ancor di più nel suo terzo volume, Force of Circumstance. In questo lavoro si discute di questioni dei tempi, tra cui la controversia e il conflitto passionale, sopra le libertà umane e la guerra d’Algeria francese. Ci vollero 18 anni per scrivere il terzo volume ed è l’opera più famosa e drammatica della collezione.

Più tardi nella vita Simone si occupò del tema dell’invecchiamento, che esaminò in Une très douce Mort – 1964, che scrisse in occasione della morte di sua madre in un ospedale. Nel 1970 scrisse La vieillesse (vecchiaia), che è una critica feroce di indifferenza della società agli anziani. Nel 1981 scrisse La cerimonia degli addii (Adieux: A Farewell to Sartre), un resoconto degli ultimi anni del rapporto con Sartre. Lei era rimasta a fianco di Sartre fino alla sua morte nel 1980 e aveva trascorso i suoi ultimi anni nel tentativo di registrare il loro rapporto. Il libro offese molte persone, che lo percepirono come un rapporto freddo, piuttosto che il testamento scritto di una relazione intellettuale così duratura. Purtroppo, tra i critici di Simone, vi fu la figlia adottiva di Sartre, Arlette El Kaim-Sartre. Negli ultimi anni della sua vita Simone divenne dipendente dall’alcool e dalle anfetamine e la sua salute peggiorò rapidamente. Attraverso le sue idee aveva guadagnato il rispetto dei suoi pari, come intellettuale acuta, determinata a vivere la sua vita con il coraggio e l’integrità, ai quali lei aspirava con la sua scrittura. Simone De Beauvoir morì a Parigi il 14 aprile 1986 e fu sepolta nella stessa tomba con Sartre.

Io e Simone:
Venerdì sera, 12 maggio 1950, a Nelson Algren.

Nelson, ogni soffio del mio cuore pieno di te si dirige verso di te. Non ho altro scopo, né altro desiderio, né altra speranza o sogno che te. Compra un bel costume da bagno, io farò altrettanto e ci crogioleremo sulla sabbia come a Ischia, col sole che ci martella il cranio e l’amore il cuore. A sera ci coricheremo nel calore del nostro amore, senza costume da bagno. Quando uno è stato così felice sembra impossibile esserlo di nuovo altrettanto, sembra quasi troppo per una sola vita. Eppure accadrà. Nelson, ora mi coricherò e mi addormenterò tra le tue braccia.
Tua Simone

Articolo creato 244

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per fornire alcuni servizi. Cliccando sul bottone "OK, accetto ne consentirai l'utilizzo. Maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi